Articles

Giovedì di Throwback dei Braves: La carriera mercuriale di Deion Sanders nel baseball

Deion Sanders non fu la prima persona a giocare nella Major League Baseball e nella National Football League allo stesso tempo, e non fu nemmeno la persona più famosa a farlo nella sua epoca.

Ma 25 anni fa, questo mese, Sanders compì qualcosa che nessuno aveva fatto prima e che nessuno ha fatto dopo. Tre anni dopo essersi vestito con gli Atlanta Braves nelle World Series del 1992, “Primetime” è sceso in campo con i San Francisco 49ers nel Super Bowl XXIX il 29 gennaio 1995.

Quindi, Sanders è diventato il primo uomo a giocare sia nelle World Series che nel Super Bowl. Ha giocato entrambi gli sport contemporaneamente per cinque anni consecutivi dal 1991-95, spesso ad un livello molto alto in entrambi gli sport.

Nessuna discussione sulla carriera di Sanders nel baseball può avere luogo senza menzionare anche Bo Jackson, che è stato anche un’eccezionale stella multi-sport della scuola superiore in Alabama pochi anni prima che Sanders costruisse la sua leggenda nel sud-ovest della Florida. Jackson è stato redatto nel secondo turno dai New York Yankees nel 1982, ma ha rifiutato il baseball pro per giocare entrambi gli sport (e anche per correre in pista) a Auburn.

Sanders era un performer all-state nel calcio, baseball e atletica come un senior a North Fort Myers (Fla.) High School, e fu selezionato al sesto turno del draft del giugno 1985 dai Kansas City Royals (la stessa squadra che avrebbe scelto e firmato Jackson l’anno successivo, dopo il suo ultimo anno ad Auburn). Sanders ha rifiutato una cifra di 75.000 dollari dai Royals per iscriversi alla Florida State, che gli ha promesso di poter giocare sia a baseball che a football.

Nella primavera del 1986, mentre Jackson stava pensando di rifiutare il football per il baseball, Sanders stava avendo un impatto immediato sul diamante del college. Ha portato fuori e giocato al centro del campo nel debutto stagionale dei Seminoles contro Grambling, andando 2-for-3 con tre corse segnate e tre basi rubate in una vittoria di 12-1 FSU.

Sanders ha battuto .333 con 21 corse segnate e 11 basi rubate in 16 partite come matricola, ma ha perso molto tempo con un infortunio alla caviglia. Entrò in 60 delle 73 partite dei Seminoles nel 1987, ma la sua media scese a .267 insieme a 41 corse e 27 rubate.

Sanders decise di non giocare a baseball come junior nel 1988, concentrandosi invece sulla pista e sul football primaverile. E naturalmente, da questo momento era già una stella affermata sul gridiron, avendo guadagnato gli onori All-America all’unanimità come cornerback e punt returner nel 1987 e raccogliendo il doppio soprannome “Neon Deion” e “Prime Time.”

Ma lo spettro di ciò che Jackson stava facendo con i Royals di baseball e i Los Angeles Raiders della NFL ha continuato ad appendere sopra Sanders. I New York Yankees hanno scelto Sanders al 30° turno nel giugno 1988, e quell’estate ha giocato partite a tre diversi livelli della lega minore.

Sanders si ripeté come All-American nel football nell’autunno del 1988, e vinse il Jim Thorpe Award come miglior defensive back del football universitario. Sembrava una conclusione scontata che avrebbe optato per il football professionistico, e gli Atlanta Falcons lo hanno selezionato n. 5 assoluto nel draft NFL del 1989.

Le trattative contrattuali di Sanders con i Falcons si sono arenate, ed è tornato a giocare a baseball nella primavera del 1989. Il proprietario degli Yankees, George Steinbrenner, non si lasciò sfuggire l’occasione di conquistare i titoli dei giornali e fece in modo che Sanders venisse chiamato nel grande club il 31 maggio dopo appena 61 partite da professionista. “Certo, ha fatto alcuni errori, ma quelli sono del tipo apprendimento-esperienza. Non ho mai visto un ragazzo entrare e fare quello che ha fatto.”

Prevedibilmente, Sanders non ha giocato particolarmente bene dopo essere stato portato nelle majors, battendo .234/.280/.404 con due homer in 14 partite nel 1989. Jackson, nel frattempo, fu Most Valuable Player del 1989 MLB All-Star Game, e finì l’anno con 32 home run e 26 basi rubate.

Jackson stava anche eccellendo come running back con i Raiders. E la sua campagna pubblicitaria Nike “Bo Knows” aveva contribuito a renderlo uno degli atleti più famosi del mondo.

Sanders non era sul punto di lasciare che Jackson rubasse tutti i titoli dei giornali come star di due sport.

Così anche dopo un eccellente anno da rookie con i Falcons nel 1989, Sanders tornò agli Yankees nella primavera del 1990. Ha fatto il roster dell’Opening Day della squadra, ma ha battuto .158/.236/.271 in 57 partite prima di tornare al football alla fine dell’estate.

Il mandato di Sanders con gli Yankees era più famoso per una rissa con il futuro catcher Carlton Fisk durante e dopo una partita con i Chicago White Sox il 22 maggio 1990. Fisk urlò oscenità a Sanders dopo che Sanders non riuscì ad eseguire un pop-up di routine, correndo verso il dugout degli Yankees invece.

L’incidente portò ai prevedibili ammonimenti “gioca il gioco nel modo giusto” per Sanders, la cui stella aveva iniziato a diminuire a New York. Dopo che le trattative si sono arenate su un contratto per il 1991 (Sanders avrebbe chiesto 1 milione di dollari), gli Yankees lo rinunciarono a fine settembre e lo rilasciarono pochi giorni dopo.

Sanders ebbe un eccellente secondo anno con i Falcons, iniziando tutte le 16 partite e segnando tre touchdown – due su intercettazioni e uno sul ritorno del punt. Il suo futuro nel baseball sembrava nuvoloso nel migliore dei casi verso il 1991.

Entra gli Atlanta Braves.

John Schuerholz, che aveva orchestrato il primo accordo di Jackson nel baseball a Kansas City, era stato assunto come general manager dei Braves poco dopo la fine della stagione 1990. Il 30 gennaio 1991, Schuerholz firmò Sanders per un contratto di lega minore da 650.000 dollari, che includeva un bonus di firma di 500.000 dollari.

“Ciò che gioca in questa firma è il suo tremendo potenziale nel baseball che sta per venire alla luce”, disse Schuerholz all’Atlanta Constitution. “Vogliamo essere l’organizzazione che porta quel potenziale di baseball alla sua piena luce”

Il contratto di baseball di Sanders non richiedeva che rimanesse con i Braves oltre il 31 luglio, liberandolo per tornare al football. Ma con entrambe le sue squadre di baseball e calcio nella stessa città, quella transizione sarebbe più facile.

Sanders ha fatto il club dei Braves fuori dall’allenamento primaverile ed è andato 1for-3 come battitore leadoff e esterno sinistro il giorno di apertura contro i Los Angeles Dodgers. Ma stava perdendo tempo di gioco per l’importazione free-agent Otis Nixon dall’inizio di maggio, ed è stato inviato giù al Triple-A Richmond.

Sanders è tornato ad Atlanta alla fine di giugno e ha visto l’azione soprattutto come pinch-hitter prima di tornare ai Falcons alla fine di agosto. Ha dato ai fan dei Braves un memorabile addio il 31 luglio, tuttavia, facendo esplodere un homer di tre run nel quinto inning per aiutare Atlanta a rally per una vittoria 8-6.

Nixon è stato sospeso a metà agosto per aver violato la politica della droga MLB, e i Braves sono stati coinvolti in una stretta corsa al pennant NL West con i Dodgers. Come settembre ha spostato lungo, voci cominciò che Sanders potrebbe provare a giocare entrambi gli sport contemporaneamente (Jackson aveva sempre aspettato fino a dopo la stagione di baseball era finita per segnalare ai Raiders).

Il martedì, 25 settembre, un Falcons fuori giorno, Sanders tornò ai Braves, con l’intenzione di servire come un pinch-runner quella notte contro i rossi. Tuttavia, il gioco è stato piovuto fuori e riprogrammato come parte di un doubleheader il giorno seguente.

Questo ha portato ad un piano elaborato in cui Sanders sarebbe pratica con i Falcons nel primo pomeriggio, poi prendere un elicottero a Fulton County Stadium a giocare per i Braves. Ha fatto il pinch-ran in entrambe le partite, con i Braves e i Reds divisi.

Sanders è apparso come un corridore pinch in altri tre giochi Braves all’inizio di ottobre, facendo il suo più grande impatto il 1 ottobre contro i rossi a Cincinnati (ha volato in un aereo questa volta, piuttosto che un elicottero). Egli pinch-ran per Mark Lemke nella parte superiore del nono, e poi ha segnato davanti a David Justice due-run homer, che capped una vittoria 7-6.

Sanders anche pinch corse per i Braves il giorno seguente, e pinch colpito nel finale di regular-season contro gli Houston Astros il 6 ottobre. Non apparve per i Braves nella postseason, trascorrendo il resto dell’autunno con i Falcons e guadagnando il suo primo posto al Pro Bowl.

Si può discutere se Sanders avrebbe potuto essere o meno un elemento di differenza nelle World Series perse dai Braves contro i Minnesota Twins in sette partite. Lonnie Smith ha sostituito Nixon e si è comportato molto bene – tranne che per un famigerato errore da baserunner – quindi è improbabile che Sanders sarebbe stato molto più di un pinch-runner.

(Sanders ha anche il merito – o la colpa – del Tomahawk Chop, l’onnipresente e controverso canto dei fan dei Braves che fu cooptato dallo Stato della Florida. Come la storia va, alcuni tifosi dei Braves che erano anche Florida State rooters si presentò al Fulton County Stadium nel maggio 1991 e cominciò a dirigere il “chop” a Sanders. Quando le World Series del 1991 si avvicinarono, il Chop era diventato un fenomeno.)

Sanders finì la sua prima stagione di baseball con Atlanta con una linea .191/.270/.345, con quattro homer, 13 RBI e 11 rubate in 31 partite. Ciononostante, con Nixon impostato per sedersi fuori le prime 16 partite della stagione successiva, Sanders era sicuro di avere un ruolo con i Braves nel 1991.

Come si è rivelato, il 1992 sarebbe stato il punto più alto del mandato degli Atlanta Braves di Sanders e della sua carriera di baseball in generale.

Conducendo e giocando centro campo su base giornaliera, ha avuto un inizio rovente, battendo .447/.462/1.330 a metà aprile. Fu intorno a questo tempo che Sanders cominciò a fare rumblings circa rinunciare al calcio, il suo contratto Falcons impostato per scadere dopo la stagione 1992.

Il 13 aprile Sanders disse all’Atlanta Constitution “Sono un giocatore di baseball a tempo pieno.”

Nixon tornò al centro campo e allo spot di leadoff il 24 aprile, ma Sanders rimase nel lineup in campo destro mentre David Justice lottava contro un male alla schiena. Entro la fine di aprile, la media di Sanders era scesa a .329, ma aveva ancora una percentuale di .598 slugging, grazie soprattutto ad un NL-best sei tripli.

In una storia di Sports Illustrated pubblicata il 27 aprile 1992, Sanders ha raddoppiato sull’idea che potrebbe rinunciare al calcio.

“Ho raggiunto il mio obiettivo in quell’altra cosa”, disse Sanders, senza nemmeno degnarsi di menzionare per nome quello che fino a quel momento era stato il suo sport principale. “Ora è il momento per me di realizzare un obiettivo in questa cosa. … Sono un buon giocatore di baseball. Ma posso essere un grande giocatore di baseball. Una stella del baseball.”

Questa affermazione ha certamente suonato vera, come Sanders ha portato una linea di battuta .317/.361/.552 nella pausa All-Star. Il 12 luglio, ha schioccato un homer a due piste nell’ottavo inning di una partita al Wrigley Field per innescare una vittoria dei Braves 3-1.

Il contratto originale di baseball di Sanders ha chiamato per lui a lasciare per i Falcons il 31 luglio, e i Falcons addolcito l’affare con un bonus di segnalazione di $1 milione che avrebbe innescato se si è presentato al campo di addestramento da 1 agosto. Dopo mesi di negoziazione, tuttavia, Sanders ha accettato il 31 luglio di rimanere con i Braves “a tempo indeterminato.”

Sanders è stato disturbato da una mano male per gran parte di fine luglio e inizio agosto, ma ritorno alla formazione di partenza il 9 agosto contro i Dodgers. I Braves da quel momento erano al comando della gara NL West, ma la domanda è rimasta … sarebbe la squadra ha Sanders per i playoffs?

Una risoluzione è venuto finalmente il 10 settembre, quando Sanders ha accettato di un anno di estensione del contratto con i Falcons. L’accordo ha permesso a Sanders di dividere il suo tempo tra i due sport, e ha assicurato che sarebbe stato disponibile per i Braves nella postseason.

Sanders è crollato nel 1992, ma ha finito la stagione con una linea .304/.346/.495 con otto homer, 26 rubate e un league-high 12 tripli, buono per 3.2 WAR su una squadra. I Braves hanno vinto 94 partite e rivendicato la NL West con otto partite di vantaggio su Cincinnati, e si sono preparati ad affrontare i Pittsburgh Pirates nelle National League Championship Series per il secondo anno consecutivo.

Sanders ha giocato in quattro delle sette partite dei Braves nella loro vittoria della NLCS sui Pirates, non riuscendo ad ottenere un colpo in cinque at-bat. Ma ha fatto notizia per ragioni fuori dal campo.

Durante la gara 4 della serie a Pittsburgh (una vittoria 6-4 dei Braves in cui Sanders ha colpito fuori nel suo unico at-bat), la parola è trapelata che Sanders ha progettato di lasciare i Braves quella notte e volare a Miami, dove i Falcons avevano una partita con i Dolphins il giorno successivo. Sanders sarebbe poi tornato a Pittsburgh e sarebbe stato disponibile per i Braves quella notte.

Schuerholz era furioso, dicendo all’editorialista dell’Atlanta Constitution, Furman Bisher, che Sanders “è tornato sulla sua parola”. Molti osservatori hanno liquidato il “doppio gioco” di Sanders come una trovata di marketing ideata dalla Nike e dall’agente di Sanders.

Durante la trasmissione della CBS di gara 4, l’analista Tim McCarver ha gettato benzina sul fuoco.

“Come può lasciare i playoff e andare a giocare in una partita di football? “

Sanders è tornato a Pittsburgh all’inizio di gara 5, ma non ha giocato nella sconfitta dei Braves per 7-1 che ha ridotto la serie di Atlanta a 3-2. (I Falcons persero anche a Miami 21-17, poiché Sanders vide l’azione in difesa, nelle squadre speciali e anche in attacco).

Due giorni dopo, Sanders (che da questo momento, aveva smesso di parlare con i media, almeno nel baseball) è andato 0-for-2 in una perdita dei Braves 13-4 in gara 6, che ha pareggiato la serie 3-3. Ha colpito e colpito nell’ottavo inning di gara 7 la notte successiva, una partita che i Braves hanno vinto 3-2 con il singolo di Francisco Cabrera e lo slide di Sid Bream, avanzando alle World Series.

All’indomani di quella che fino a quel momento era probabilmente la vittoria più esaltante nella storia degli Atlanta Braves, Sanders cercò McCarver – che era nella clubhouse per condurre le interviste post-partita – per vendicarsi. Sanders ha ripetutamente inzuppato l’allora 51enne emittente con acqua ghiacciata, portando alla famigerata replica di McCarver, “sei un vero uomo, Deion.”

Sanders ha rotto il suo silenzio mediatico per spiegare le sue azioni.

“È completamente ignorante,” Sanders ha detto, secondo il Chicago Tribune. “È più che altro un codardo. Non l’ho mai incontrato e non gli ho mai parlato in vita mia. Ci stavamo solo divertendo.”

(Sanders fu poi multato di 1.000 dollari dal presidente della National League Bill White.)

Mentre l’interazione di Sanders con McCarver fu un rifiuto per molti, il suo gioco nelle World Series del 1992 contro Toronto fu difficile da ignorare. Un Gant in crisi è stato messo in panchina dopo gara 1, e Sanders ha dato spettacolo nelle quattro partite in cui ha visto l’azione.

Nonostante abbia giocato con un osso rotto nel piede, Sanders è andato 8-for-15 con quattro corse segnate, due doppi e cinque basi rubate mentre i Braves hanno perso la serie in sei partite. Sean McDonough, partner di trasmissione della CBS di McCarver, ha notato ad un certo punto, “Se i Braves vincono, deve essere considerato l’MVP.”

Sanders goduto il suo anno migliore finora con i Falcons nel 1992, guadagnando gli onori All-Pro per la prima volta e restituendo due kickoffs per touchdowns. Giocò anche nel suo secondo Pro Bowl consecutivo.

Nonostante il suo eccellente gioco dell’anno precedente, Sanders vide un ruolo ridotto con i Braves nel 1993. Gant, Nixon e Justice rimasero tutti sani e produttivi, mangiando il tempo di gioco di Sanders.

Il padre di Sanders, Mims, morì il 23 aprile 1993 per un tumore al cervello all’età di 50 anni. Sconvolto dalla morte del padre e arrabbiato per la mancanza di tempo di gioco – aveva iniziato solo sei delle prime 20 partite dei Braves – Sanders lasciò la squadra e giurò di non tornare.

“Voglio che la gente sappia che questo è il peggior tradimento di una squadra nella storia dello sport”, disse Sanders ai giornalisti all’epoca, forse esagerando un po’.

Meno di un mese dopo, tuttavia, Sanders tornò. Bobby Cox mise Sanders nel lineup per una partita a New York il 22 maggio, cosa che alienò Nixon, l’esterno centro in carica.

Quando scoprì che non stava giocando, Nixon si presentò intenzionalmente in ritardo per la partita del giorno successivo, e poi chiese uno scambio. (I Braves non lo accolsero, ma gli permisero di andarsene come free agent dopo la stagione.)

Sanders rimase per il resto della stagione come quarto outfielder per una squadra di Braves che vinse 104 partite e inseguì memorabilmente i San Francisco Giants per vincere la NL West. In 95 partite, Sanders batté .276/.321/.452 con sei fuoricampo, sei tripli, 28 RBI e 19 rubate (vide l’azione in cinque partite della perdita della NLCS di Atlanta contro i Philadelphia Phillies, andando 0-for-3.)

Con Nixon andato ai Boston Red Sox, Sanders fu di nuovo l’esterno centro a tempo pieno dei Braves per iniziare la stagione 1994. Il suo status con i Falcons era meno chiaro, dato che era diventato un free agent dopo aver messo a segno una carriera di sette intercetti nel 1993.

Ancora, i Braves erano in transizione nell’outfield. Gant era stato perso per la stagione con una gamba rotta in un incidente di dirt bike, portando Atlanta a rilasciare il veterano dell’esterno sinistro e ad installare il rookie in prima base Ryan Klesko al suo posto.

Sanders stava colpendo .350 alla fine di aprile, ma i suoi numeri cominciarono a diminuire durante maggio. Il suo incerto status di due sport e le varie “distrazioni” fuori dal campo avevano anche iniziato a logorare i Braves, e il 29 maggio Schuerholz ha sganciato una bomba.

Sanders è stato scambiato con i Cincinnati Reds per l’esterno centro Roberto Kelly e un lanciatore delle leghe minori. Si trattava di uno scambio diretto – quando un club scambia un giocatore per un altro nella stessa posizione – e Sanders si sentì personalmente insultato.

“Ehi, quello è John Schuerholz”, disse Sanders all’Atlanta Constitution. “Sapete com’è Schuerholz; sapete che si sta vendicando di me. Schuerholz non è mai stato onesto con me”

Sanders è diventato una specie di nomade del baseball dopo aver lasciato i Braves, ottenendo poco più di due mesi con i Reds prima che lo sciopero dei giocatori fermasse la stagione 1994. Ha firmato con i 49ers quel settembre, e ha avuto probabilmente la migliore stagione della sua carriera di calcio – restituendo tre intercetti per touchdowns in soli 14 partite – per i campioni del Super Bowl.

(Kelly eseguito bene per i Braves per il resto del 1994, postando un 102 OPS + con sei homer e 44 corse segnato in 63 partite prima dello sciopero ha colpito. Dopo che l’interruzione del lavoro è stata risolta la primavera seguente, è stato impacchettato in un commercio che ha ottenuto un altro leadoff che colpisce l’esterno centro, Marquis Grissom, dai Montreal Expos).

Sanders fu scambiato di nuovo il 21 luglio 1995, questa volta ai San Francisco Giants come parte di un accordo a otto giocatori. Ma presto sarebbe anche passato di nuovo al football, ai Dallas Cowboys.

Sanders si sedette fuori dalla stagione di baseball 1996, solo per tornare con Cincinnati nel 1997. Ha giocato un career-high 115 partite con i Reds quella stagione, postando un OPS+ ben al di sotto della media di 80, prima di concentrarsi solo sul football per le successive tre stagioni, due con Dallas e una con i Washington Redskins.

Sanders si è ritirato dal football nel 2001, ed è tornato di nuovo ai Reds per 32 partite improduttive quell’estate all’età di 34 anni. Questa sarebbe stata la fine della carriera di Sanders nel baseball, in cui ha giocato in 641 partite, totalizzato 558 colpi, 43 tripli, 39 fuoricampo, 186 basi rubate, registrato una linea .263/.319/.392 e un 89 OPS+, con una carriera WAR totale di 5,5. (È tornato per un’ultima stagione NFL con i Baltimore Ravens nel 2004, giocando in nove partite prima di ritirarsi definitivamente all’età di 37 anni.)

Come per Jackson, è difficile sapere quanto bene un giocatore di baseball Sanders avrebbe potuto essere se si fosse concentrato sul diamante a tempo pieno. Al suo meglio – come durante quella memorabile stagione del 1992 e la postseason – era un giocatore di qualità stellare, un potenziale All-Star.

Nel complesso, tuttavia, Sanders era un giocatore medio della Major League Baseball. Poteva essere un membro prezioso di squadre vincenti, ma probabilmente non abbastanza buono per essere una stella a pieno titolo (almeno non per le sue prestazioni sul campo).

C’è stata una manciata di atleti di baseball/calcio dai tempi d’oro di Jackson e Sanders – Brian Jordan, Drew Henson, Russell Wilson e Kyler Murray tra loro – anche se nessuno ha giocato al livello NFL/MLB contemporaneamente. Per Sanders di eseguire come anche un passabile major-leaguer per un mezzo decennio, mentre allo stesso tempo è uno dei migliori giocatori NFL del suo tempo è davvero un risultato sorprendente, e uno che non è probabile vedere di nuovo presto.

Darryl Palmer è uno scrittore che contribuisce a Talking Chop. Mandagli un’email a [email protected] No, non è il suo vero nome.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *