Articles

A Deathless Grievance: Perdere la propria identità

“Nessun libro di regole. Nessuna cornice temporale. Nessun giudizio. Il dolore è individuale come un’impronta digitale. Fai ciò che è giusto per la tua anima”. – Una vedova in forma

Perdere un individuo che non è morto può essere impegnativo quanto perdere un individuo che è morto. Inoltre, perdere se stessi ha aspetti simili al perdere un altro individuo. E molte volte, l’individuo passa attraverso le stesse fasi del lutto (un’analisi approfondita delle componenti del processo di lutto) tra cui shock, negazione, rabbia, contrattazione, depressione, prova e accettazione. In particolare, lo shock: la paralisi iniziale nell’apprendere la cattiva notizia, la negazione: cercare di evitare l’inevitabile, la rabbia: sfogo frustrato di emozioni represse, la contrattazione: cercare invano una via d’uscita, la depressione: realizzazione finale dell’inevitabile, la verifica: cercare soluzioni realistiche, e l’accettazione: trovare finalmente la via d’uscita (Modello Kubler-Ross modificato). Da notare che queste fasi possono variare in lunghezza e possono variare nell’ordine, così come si può andare avanti e indietro tra le fasi. La terapia è utile quando un individuo è “bloccato” in una fase specifica per aiutarlo ad andare avanti con la perdita. Inoltre, ci sono due tipi di lutto: acuto e complicato (cioè prolungato – che dura più di un anno) a seconda della durata del lutto (Dryden-Edwards & Stoppler, n.d.).

Mentre il lutto è spesso legato alla morte di una persona cara, qualsiasi perdita importante (rottura di una relazione, perdita del lavoro, perdita di un cane, perdita di una situazione di vita) può anche provocare una reazione al lutto. Questi individui possono soffrire di depressione o di un disturbo da stress post-traumatico, così come avere difficoltà con il sonno, l’appetito, il peso, la concentrazione o il livello di energia (Dryden-Edwards & Stoppler, n.d.). I sintomi del lutto possono essere di natura emotiva, fisica, sociale o religiosa. In alcuni casi, la perdita di una persona o di un oggetto può alla fine portare ad un maggiore sviluppo personale (Dryden-Edwards & Stoppler, n.d.). È importante notare che il dolore è un sentimento comune e che deriva dalla perdita di qualsiasi cosa che sia importante per l’individuo (Dryden-Edwards & Stoppler, n.d.).

Il più delle volte, i ricercatori o i clinici non discutono la perdita di identità personale. Mentre questa può essere avvenuta nell’infanzia o nella tarda età adulta. La perdita può avvenire o meno dopo alcune delle perdite discusse in precedenza (ad esempio, la perdita di un lavoro, la perdita di una casa), ma altre perdite si verificano dopo un abuso (sia esso fisico, emotivo o sessuale). Quando gli individui perdono la loro identità, possono non avere idea di chi siano o di dove vogliano andare nella vita. In casi estremi, gli individui possono isolarsi perché si preoccupano di chi connettersi se non sanno chi sono loro stessi (Sell, 2013). In sostanza, l’identità è quell’insieme di attributi che definisce come gli individui vedono se stessi (Sell, 2013). Quando qualcuno perde la propria identità, spesso attraversa le fasi del lutto.

Da notare, l’identità è la capacità di auto-riflessione e consapevolezza. Le persone di solito acquisiscono le loro identità attraverso i compiti che svolgono e gli oggetti con cui si identificano (Radwan, n.d.). Si può avere un’identità con una persona (ad esempio, i bambini che cercano di imitare i loro genitori), un’identità con un lavoro, o identificarsi con un oggetto (ad esempio, una macchina; Radwan, n.d.). Se qualcuno si identifica come una persona di successo perché ha una famiglia e un lavoro ricco, se viene licenziato o il suo coniuge chiede il divorzio, questo individuo può perdere la sua identità. Analogamente alla perdita di una persona cara o di un oggetto materiale, gli individui hanno il potenziale di passare attraverso le sette fasi del dolore. Perdere la propria identità può accadere improvvisamente o nel corso del tempo.

Come terapeuta, è essenziale non “affrettare” gli individui attraverso il lutto della loro identità. Permettete a queste persone di passare attraverso le fasi del lutto e aiutatele a riconoscere in quali fasi si “bloccano”. Poi, in cambio, aiutateli a spingere attraverso quelle fasi. Siate pazienti con la loro capacità di formare un’identità.

Inoltre, è importante aiutare gli individui a riconoscere i loro valori interni ed esterni, e creare la propria identità (Sell, 2013). In questo modo, l’individuo può scegliere qualsiasi definizione che vuole – non deve vivere secondo le aspettative di chi gli altri vogliono che sia, ma vive secondo le proprie aspettative. Accettando se stessi, gli individui non sono limitati da alcuna nozione di identità, si liberano per essere solo ciò che sono (Sell, 2013). Infine, un’area comune in cui le persone perdono la loro identità è quando sono depresse – possono avere perdite di memoria, possono perdere la loro capacità di trovare piacere, possono avere una diminuzione della libido, possono avere difficoltà di concentrazione, e così via (Smith, 2018). Come terapeuti, riconoscete che è un viaggio per recuperare se stessi pezzo per pezzo, e che possono passare attraverso le fasi del lutto (Smith, 2018). In questo caso, la depressione può essere stata una fase specifica del lutto in cui lui o lei ha perso la sua identità. Aiutarli a ricostruire è essenziale.

Inoltre, la perdita di identità può essere impattante come la perdita di una persona. Inoltre, si può perdere la propria identità dopo aver perso una persona, un animale, un lavoro o un oggetto. Così, gli individui possono attraversare le fasi del lutto per entrambi gli aspetti. È importante essere pazienti con la persona e aiutarla a riconoscere quale aspetto sta soffrendo. Permettere alla persona di “sentirlo per guarirlo.”

Agler, A.M. (2014). “Non so più chi sono”: Perdere la mia identità. Recuperato da https://www.counselling-directory.org.uk/counsellor-articles/i-dont-know-who-i-am-anymore-losing-my-identity

Dryden-Edwards, R. & Stoppler, M.S. (n.d.). Dolore: La perdita di una persona cara. Recuperato da https://www.medicinenet.com/loss_grief_and_bereavement/article.htm

Radwan, M. F. (n.d.). Identità psicologica e crisi d’identità. Recuperato da https://www.2knowmyself.com/Psychological_identity/identity_crisis/who_am_i

Sell, L. (2013). Perdere la mia identità. Retrieved from https://www.huffingtonpost.com/lorenz-sell/self-identity_b_3779389.html

Smith, J. (2018). Affrontare la perdita di identità nella depressione. Retrieved from https://www.healthyplace.com/blogs/copingwithdepression/2018/03/dealing-with-identity-loss-in-loss-depression

About the Author————————–

Michelle Blose è attualmente una stagista al Bay Pines VAHCS e uno studente di dottorato al quinto anno alla Nova Southeastern University. La sua email è [email protected]

17 aprile 2019 Michelle Blose

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *